Giancarlo “Iron Jack”

Stefano manduzio

Stefano manduzio

Fotografo & Videomaker

Non guardo la RAI dai tempi della pandemia!!! Dal momento in cui la RAI è diventata la portavoce di una propaganda che non approvo, ho deciso di non guardarla più. Nonostante questa scelta personale sono costretto asostenerla pagando il canone che viene estorto dalla bolletta della luce.

Considero la RAI una specie di veleno che agisce negativamente sulle scelte della gente. I miei genitori per esempio non hanno internet e guardano la RAI. Per quanto riguarda la pandemia per esempio hanno fatto tutto quello che gli è stato detto ed ordinato dal ministro Speranza & Co.

 

Oggi se ne pentono. Oggi mi dicono che avevo ragione. Ma è troppo tardi per loro. Ormai il loro sistema immunitario è stato manomesso.

Insomma la RAI per me è diventata un nemico, qualcosa da evitare. Soprattutto certe persone che conducono certe trasmissioni. Onestamente mi chiedo perchè la gente continua a guardarla, ma poi penso che se la gente si è lasciata iniettare un “vaccino” che sta attualmente uccidendo tante persone e ovviamente la RAI non ne parla, e queste persone hanno anche formato la lettera di scarico di responsabilità in caso di reazioni avverse allora comincio a pensare che il lavaggio del cervello della televisione è davvero un veleno e bisogna proteggersi.

Come? Ma con una maschera antigas!!

Mi scatta in testa l’idea di realizzare un progetto fotografico utilizzando la maschera antigas quindi primo step è quello di trovare almeno un paio di maschere. Le trovo su subito.it. Chi le vende appoggia subito il mio progetto e mi fa anche uno sconto.

http://vecchiomanontroppo.weebly.com/

https://www.facebook.com/vecchiomanontroppo/?locale=it_IT

Secondo step: mi serve gente che indossi le maschere. Pubblico un post su facebook e immediatamente iniziano ad arrivare le adesioni. Arriva Giancarlo “iron jack” anche lui molto arrabbiato con questa propaganda e si presta molto volentieri a degli scatti che realizziamo nello studio a casa mia.

Sfondo bianco e due sofbox da 120 cm uno a destra e uno a sinistra. Il terzo flash dietro per retroilluminare lo sfondo e staccare il primo piano. Per lavorare tranquillamente senza mosso e la massina nitidezza ho impostato gli ISO a 800.

Facebook
Email
WhatsApp
Print
On Key

Related Posts

Aurora

Servizio fotografico realizzato in studio con sfondo bianco e poi nero. Fine sessione in esterna nello stabilimento Vittoria a Passoscuro.

Marlon

Appuntamento al Bar di San Callisto a Trastevere e cosa che non mi era ancora capitata anche lui viene in bicicletta. Che dire? Così è

Keep in touch

339 680 2211

available 24h